Abbandonando la propria attività in Firenze di produttore ebanista, si arruola nel Regio Esercito all’entrata in guerra dell’Italia, dopo alcuni mesi, otterrà il trasferimento presso la Regia Aereonautica Italiana, dove coronerà il suo sogno di volare.